Archive for the Street Art Category

*Writing Excellence: Banksy

Posted in *Writing Excellence, Arte, Street Art with tags , , , , , , , , , , , , on 28 dicembre 2009 by kemas

Alcune persone diventano dei poliziotti perché vogliono far diventare il mondo un posto migliore. Alcune diventano vandali perché vogliono far diventare il mondo un posto migliore da vedere”.

Banksy è sicuramente uno degli street artist più originali e complessi che vi siano oggi in circolazione.
La sua fama è costantemente aumentata sin dagli anni ’80 in cui iniziò la sua attività.
Nome all’anagrafe sconosciuto (o quasi), Banksy continua, nonostante la sua sempre crescente notorietà e la sua fama ormai mondiale, a restare volutamente anonimo.
Così, lontano dal mainstream artistico può continuare a concentrarsi e a far concentrare gli altri sulla propria arte, piuttosto che sul personaggio.

Moltissime testate giornalistiche come L’Indipendent, il Times o la BBC infatti, continuano a prediligere gli articoli di gossip: “Chi si nasconde dietro Banksy?” oppure “Scoperta la vera identità di Banksy“…
Personalmente ritengo tutto ciò molto stupido. Invece di riflettere sul lato artistico cercano lo scoop fine a se stesso. Comunque, torniamo a Banksy.

La sua arte è pura aria fresca…

Banksy è definibile come un guerrilla artist.
Predilige da sempre lo stencil e, in alcuni casi (Continua a leggere…)

COMBO

Posted in *Writing Excellence, Illustrazione, Street Art with tags , , , , , , , , , , , , on 28 settembre 2009 by kemas

Di nuovo BLU, stavolta in collaborazione con David Ellis (anche lui street-artist), per dare vita a COMBO, questo spettacolare cortometraggio in stop-motion realizzato a quattro mani.

Pittura fotografia pittura fotografia pittura fotografia video.

L’opera è stata realizzata per il FameFestival 2009 di Grottaglie ed è stata prodotta da StudioCromie.
Please, clap your hands!

Spray Landscape

Posted in Arte, Street Art with tags , , , , , , on 21 settembre 2009 by kemas

arbor

Brandon McConnell utilizza le classiche bombolette spray da writer murale per fare dipinti di paesaggi lunari ambientati nello spazio siderale.
La sua tecnica è molto inusuale. Niente pennelli, solo bombolette, coperchi, ciotole, carta e piccole spatoline per rifinire i particolari.
La bellezza delle sua arte risiede anche nella velocità d’esecuzione. Per alcune opere sono bastati 40 secondi.
Sul suo sito (http://www.spacepaintings.com) si possono trovare una serie di dvd-tutorial e di opere da acquistare.

Nell’articolo, alcuni video con l’esecuzione delle opere.

Continua a leggere

*Writing Excellence: SHOK1

Posted in *Writing Excellence, Arte, Street Art with tags , , , , , , , , , , , on 8 luglio 2009 by kemas

shok-1-19

SHOK1, più che un writer lo si potrebbe definire un vero e completo aerosol artist.
Seguo la sua attività da molto tempo ed è uno degli street artist che amo di più.

La sua attività comincia nel lontano 1984 (contemporaneamente alla nascita del movimento hip-hop), quindi lo si può considerare un mostro sacro del genere.
L’inglese SHOK1 come tanti altri ha iniziato la sua attività componendo e intersecando lettere. Nel tempo il suo percorso si è evoluto concentrandosi più su un’arte figurativa derivata dal pupping, ovvero quel particolare stile che fa largo uso di “pupazzi” come soggetto delle proprie opere: non lettere ma figure antropomorfe.

Ultimamente la sua produzione si è arricchita di stilemi non solamente riconducibili al writing: le influenze punk e neo-cibernetiche hanno fatto maturare il suo stile.
Tecnicamente ineccepibile, SHOK1 si è da subito fatto notare per il suo particolare tratto vibrante e solido allo stesso tempo.
La sua è un’arte neo-figurativa, ansiogena e forzatamente geometrica, che riprende a tratti il fumettistico e il caricaturale.

Per concludere, SHOK1 è sicuramente uno degli street artist più completi e tecnicamente bravi in circolazione.

shok-1-20

Nell’articolo, una gallery con alcuni dei suoi lavori più belli.
Continua a leggere

Reverse graffiti

Posted in Arte, Beautiful things, Street Art with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 29 giugno 2009 by kemas

reverse_graffiti

È un po’ di tempo che voglio parlarvene. Un’idea geniale tenuta nel cassetto per un buon lunedì. Questo lunedì.

Il “Reverse graffiti“, conosciuto anche come clean/dust tagging o grime writing, è un metodo per creare graffiti e opere d’arte rimuovendo lo sporco e i depositi di smog dalle superfici.
Poichè il reverse graffiti non utilizza vernici e non reca danno alle superfici è considerato legale (e ci manchererebbe).
Il contrario dei graffiti insomma; invece di “aggiungere” vernice si “toglie” la sporcizia e si ripulisce il muro creando uguali opere d’arte.

Da ex-writer appassionato di street art, trovo l’idea concettualmente straordinaria.

Diventa inoltre un incentivo/pretesto per obbligare l’azienda di pulizia cittadina di turno a fare il suo lavoro.

Qui sotto, due video dove vengono utilizzate tecniche diverse.
Alexandre Orion utilizza un semplice panno per realizzare i reverse graffiti.

Dopo il salto, Paul “Moose” Curtis.

Continua a leggere

*Writing Excellence: MICROBO & BO130

Posted in *Writing Excellence, Illustrazione, Street Art with tags , , , , , , on 15 gennaio 2009 by kemas

Oggi vediamo due street artist che, essendo marito e moglie, lavorano spessissimo insieme creando anche opere condivise.
Sto parlando di Microbo e Bo130. Due tra i miei preferiti.

microbo-bo130-12

microbo-bo130-9

La loro attività si divide tra sticker e pittura. Personalmente li adoro entrambi, il loro stile è particolarissimo, cupo, distorto, una realtà segnata sa puppet stanchi, malinconici che si intersecano in filamenti collaginosi.
Le loro opere partono da Milano ma internazionali, diventando sinonimi di una città grigia e ammassata.

Sotto alcuni esempi delle loro opere.

Continua a leggere

*Writing Excellence: DAIM

Posted in *Writing Excellence, Arte, Beautiful things, Illustrazione, Street Art with tags , , , , , , , on 12 gennaio 2009 by kemas

Apriamo una nuova rubrica, *Writing Excellence, il cui argomento mi sta molto a cuore.

Parliamo di writing, aerosol art, graffiti o murales che dir si voglia.
Ma non discuterò della solita retorica del giusto o sbagliato, arte o vandalismo. Semplicemente mi limiterò a mostrarvi i migliori writer in circolazione (mostri sacri e nuove leve), trattando squisitamente il lato estetico, il lato grafico e visivo delle loro opere, la loro tecnica, il loro stile.
È un argomento spinoso ma che dal punto di vista visivo offre talvolta cose spettacolari.

Bene. Il primo writer che vi presento è uno dei miei preferiti in assoluto: DAIM.

Esplosione di vernice, volumi plastici e luce soffusa sono i punti forti del 3Dstyle di DAIM.
La sua geometria centripeta ha fatto la storia dell’Aerosol Art mondiale.

Sotto, alcuni dei suoi lavori migliori. (cliccare per ingrandire)

daim6

daim14

daim-lui

Basta guardarlo per capire che il writing va molto oltre al classico stereotipo del “bombolettaro”.

Sotto, altri “pezzi” unici. (cliccare per ingrandire)

daim3

daim5

daim4

daim13

daim10

daim1