Sinistra


La sinistra.
La sinistra in Italia non esiste più.
La sinistra in Europa non esiste più.
Nell’ex Unione Sovietica la sinistra non esiste più.
La sinistra globalmente parlando non esiste più.
Forse c’è rimasto qualcosa di sinistra in Sudamerica mi riservo di controllare.
Io ho sempre immaginato la sinistra come un grande cerchio dell’amore di sinistra.
Masse di piccoli artigiani metalmeccanici disoccupati gente che non riesce ad arrivare alla fine del mese gente che si stringe attorno a un ideale attorno a un concetto attorno all’idea di rinunciare tutti a qualcosa per vivere un po’ meglio tutti quanti.
Poi arriva D’Alema con il suo yacht meraviglioso e distrugge questo grande cerchio dell’amore di sinistra.
Poi arriva Prodi con le sue privatizzazioni e distrugge questo grande cerchio dell’amore di sinistra.
Poi arriva Blair con il suo esercito filoamericano e distrugge questo grande cerchio dell’amore di sinistra.
Poi arriva Jospin con le sue concessioni alla Confindustria francese e distrugge questo grande cerchio dell’amore di sinistra.
Poi arriva Putin con le sue vacanze in Sardegna lusso sfrenato superconsumismo e distrugge questo grande cerchio dell’amore di sinistra.
Per questi motivi io dico che la sinistra non esiste più.
Adesso c’è la destra e basta.
C’è la destra ovunque.
Ma non è più la destra di quando ero piccolo.
Non è più la destra sociale di Almirante.
Non è più quella destra dura semiterrorista rigorosa nazionalista amante della famiglia della moralità e dei valori supremi.
Quella che vedo è una destra molto molto piccola.
Quella che vedo è la destra del consulentello neolaureato alla Bocconi che gira col culo sulla Mercedes aziendale parla di cazzate pippa la coca dice di lavorare diciotto ore al giorno ma ogni giorno ne trascorre almeno dieci a masterizzare compact disc musicali sul PC portatile da seimila euro abita in un loft adora il chill out compra il Sole 24 Ore ma non lo legge fuma Marlboro Light dice di scopare sempre ma non scopa mai trascorre le vacanze su una barca a vela noleggiata.
Una barca a vela esagerata bellissima mostruosa.
Una barca a vela come quella di D’Alema.
È questo il paradosso.
Una barca a vela come quella di D’Alema.
La destra e la sinistra di oggi hanno aspirazioni piccole piccole.

tratto da Klito

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: