Tieni giù le mani da Caino


Una voce poco fa ha definito la giustizia come ‘legge applicata per vendetta’
e se quella del popolo è di Dio, io la fischio dal loggione come stecca,
perché di ’sto tenore non si può contrabbandare per parola del Signore. Punto.
M’iro e faccio fuoco e fiamme se mi guardo in giro,
togliere il respiro a un uomo chiuso in una cella è solamente un assassinio
che cela il suo mandante nel diritto
e complica il delitto circondandosi di complici che ammaccano il grilletto stando zitti,
cui garantisce un alibi da vittime,
costrette a uccidere per auto-difesa e usate come pesi sopra al piatto dell’accusa.
Ma il gioco, lo conosco, è da villani, e puoi pure strofinartele per mesi,
le tue mani restan sporche,
come le coscienze di chi ancora ti sostiene mentre erigi forche come fossero altalene
e poi ci appendi le persone, le lasci penzolare come stracci stesi al sole,
le asfissi in una stanza, o gli inietti una sostanza dentro al cuore,
o glielo fai scoppiare da un plotone.
La carne ai ferri è la tua vera religione
e cerchi un capro nero, lo pascoli in un cimitero
e poi lo immoli su un altare in remissione dei peccati,
e di lui non hai memoria, perché è solo un altro morto della storia…

Tieni giù le mani da Caino:
sangue chiede sangue e tu rispondi al suo richiamo,
predichi giustizia e poi razzoli nel crimine,
arbitro venduto che dispone della vita di un suo simile….

Le favole che ti raccontano fin da bambino ti deformano,
t’illudi d’essere infallibile perché fai numero,
ma non t’accorgi che la tua opinione la raccolgono soltanto quando ai vertici fa comodo.
Muovono la tua coscienza sopra a una scacchiera,
pedina bianca tu difendi una regina nera
che divora vite umane, in ogni direzione,
mentre tu chiudi gli occhi ed apri la bocca come il pescecane.
Bruci ossigeno vitale per me e per te dicendo cose che non stanno in piedi neanche se le impali,
ripeti formule contraddittorie sempre uguali fin dai tempi di Mosé.
In più ritieni il computo di occhi, denti, mani e piedi dispari,
carcere ed ergastoli non bastano, non ti soddisfano:
vorresti morto ogni fottuto criminale, da additare come esempio da evitare…
Ma ancora non è nato il delinquente
che veda nella pena della morte un deterrente
e spesso capita di fare fuori un innocente come niente,
e questo me lo chiami ‘un incidente’?
Boia dal cappuccio trasparente
vivi nell’anonimato, immune dal peccato, signore incontrastato della tua mediocrità,
orfano del dubbio, testa nella sabbia: vittima della tua stessa rabbia…

Frankie HI-NRG MC

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: